Come migliorare il tuo profilo su LinkedIn

Sfrutta al meglio "la più grande comunità professionale al mondo".

Quand’è l’ultima volta che ti sei collegato a LinkedIn per aggiornare il tuo profilo? Da quanto tempo non controlli le notifiche e i messaggi? Hai richieste di collegamento in sospeso da giorni?

Se la risposta è sì, non sei solo: solo il 13% degli utenti accede a LinkedIn quotidianamente. Tuttavia, questo social network ha tantissimo da offrire in termini di opportunità professionali, sia per chi sta cercando un nuovo lavoro, sia per chi ha un’attività e vuole aumentare le proprie opportunità di business.

In questo articolo ti darò alcuni consigli su come migliorare il tuo profilo su LinkedIn per renderlo più efficare.

Il tuo profilo LinkedIn non è il tuo CV

LinkedIn è un social network, un luogo dove puoi creare connessioni ed entrare in contatto con persone nuove, e non un semplice mercato di scambio domanda/offerta di lavoro.

Per questo la parola d’ordine è comunicare, e una buona comunicazione non si fa con un elenco di esperienze.

Il tuo profilo linkedin deve parlare di te, e la sezione “riepilogo” (che compare sul tuo profilo come “informazioni”) è una risorsa fondamentale che devi sfruttare al meglio per distinguerti. Per questo fare un copia-incolla dal tuo CV non è una buona idea: per quanto interessante e di livello sia, un curriculum non racconta chi sei e non cattura l’attenzione di chi legge.

Nel riassunto di LinkedIn è importante scrivere:

  • Chi sei, cosa fai e cosa sai fare
  • Quali sono le motivazioni che ti spingono e perché ami il tuo lavoro
  • Quali sono le soluzioni che puoi offrire a chi legge il tuo profilo

Non usare un tono troppo formale e “ingessato”, ed evita le frasi troppo generiche come “buone capacità interpersonali”, “capacità di problem solving” o “orientato ai risultati”… Anziché scrivere semplicemente che hai capacità di problem solving, prova ad esempio a raccontare una storia di successo della tua vita lavorativa.

Il tuo profilo linkedin deve parlare di te, e la sezione “riepilogo” è una risorsa fondamentale per distinguerti.

Completa le tue informazioni per migliorare il profilo LinkedIn

Se decidi di iscriverti a LinkedIn, allora vai fino in fondo. Se cerchi nuove opportunità di lavoro o vuoi trovare nuovi clienti per la tua attività, la regola numero uno è distinguersi.

Creare un profilo LinkedIn completo è facile: se sei un nuovo iscritto puoi seguire una procedura guidata che ti accompagna nella creazione di un profilo completo, accompagnandoti passo passo nell’inserimento delle informazioni. Per avere un profilo perfetto dovrai:

  • Inserire una foto di copertina personalizzata
  • Inserire una foto profilo
  • Inserire il tuo nome e cognome e il tuo job title
  • Scrivere il tuo riassunto
  • Completare il profilo con le proprie esperienze

Scegli una foto profilo adatta a LinkedIn

Sappiamo tutti che non bisogna giudicare un libro dalla copertina, ma se la copertina è poco invitante quel libro resterà sugli scaffali a prendere polvere.

Siamo naturalmente portati a giudicare in base alle apparenze: sui social network come LinkedIn, l’immagine del profilo è la tua unica opportunità di catturare lo sguardo del lettore.

La tua foto serve anche a ricordare ai visitatori che dietro allo schermo c’è una persona in carne e ossa: non si tratta di “mettersi in mostra”, ma di mettere a suo agio il nostro interlocutore creando un punto di contatto.

Nessuna foto profilo e immagine di copertina di default: ecco come non farsi notare su LinkedIn!

Una buona foto per il profilo LinkedIn è un primo piano con uno sfondo omogeneo e con una buona risoluzione. Assolutamente da evitare selfie, immagini in situazioni troppo informali o foto di gruppo.

Se proprio non sai come scegliere la tua foto profilo per LinkedIn, ti consiglio di affidarti a photofeeler, dove potrai caricare la tua foto e ricevere dei feedback da utenti verificati. Provalo, i risultati ti stupiranno 🙂

Anche l‘immagine di copertina gioca un ruolo importante: cerca un’immagine che ti rappresenti, non necessariamente legata alla tua attività. Potrebbe essere un panorama della tua città, una composizione astratta, oppure qualcosa che ti rappresenti anche in ambito extra lavorativo.

Se non sai da dove cominciare, Unsplash è un ottimo sito dove trovare foto di ottima qualità.

Metti in mostra le tue esperienze

La sezione “esperienze” del profilo è forse la parte di LinkedIn che che più assomiglia ad un CV. Qui potrai elencare i lavori svolti nel corso degli anni, specificando l’azienda (se ha una company page su LinkedIn comparirà come un link), la qualifica ed il tipo di impiego.

Potrai anche aggiungere dei file multimediali o un piccolo portfolio del tuo lavoro. Se hai lavorato a progetti importanti, potrai aggiungerli nella sezione “progetti”.

6 3 Gradi di separazione

Per migliorare l’efficacia del tuo profilo LinkedIn devi lavorare sul tuo network.

Nella sua versione gratis, LinkedIn ti permette di entrare in contatto con i collegamenti di primo, secondo e terzo livello. Le persone già collegate a te (l’equivalente dei tuoi amici su Facebook) sono collegamenti di primo livello. I loro collegamenti saranno per te contatti di secondo livello e così via.

Collegamenti di primo, secondo e terzo livello.

Ad esempio: io, Davide, ho un collega che si chiama Lorenzo. Aggiungendolo su LinkedIn diventerà un collegamento di primo livello.

Lorenzo ha un amico che si chiama Marco, che io non ho tra i miei contatti, e per me Marco sarà un collegamento di secondo livello.

Marco ha un cliente che si chiama Daniele, che né io né Lorenzo abbiamo tra i nostri contatti. Questo Daniele per me e Marco risulterà un collegamento di terzo livello, mentre per Lorenzo di secondo livello.

In sintesi, il tuo network è la somma dei collegamenti di primo, secondo e terzo livello.

Va da sé che per aumentare le possibilità di connessione è molto importante espandere il proprio network. Tieni d’occhio regolarmente le richieste di contatto, e attivati a tua volta per espandere il tuo network cercando colleghi presenti e passati, compagni di scuola, clienti e fornitori.

Alcuni contatti hanno un network molto esteso, e vengono chiamati hub, cioè snodi. Aggiungerli ai tuoi contatti farà aumentare in modo esponenziale il tuo network!

Condividi e partecipa

Ora il tuo profilo è completo e il tuo network sta crescendo, ma sei solo all’inizio! Il concetto chiave di ogni social, LinkedIn compreso, è la condivisione delle informazioni.

Per migliorare l’efficacia del tuo profilo su LinkedIn, impara a sfruttare a tuo vantaggio i gruppi di discussione: sono una risorsa utilissima che ti permetterà di entrare in contatto con professionisti del tuo settore e creare nuove connessioni.

Trova il tempo per leggere, commentare e condividere i post dei tuoi contatti, condividi i tuoi contenuti e cerca sempre di essere originale, sincero e corretto.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!